I pasticci della cuoca | Treccine al pesto alla genovese - I pasticci della cuoca
instagram Googleplus pinterest rss

Treccine al pesto alla genovese

HomePrimiTreccine al pesto alla genovese

Categorie: Primi

Treccine al pesto alla genovese

14 gennaio 2013

11

Questi sono giorni velati un po’ dalla tristezza, nei prossimi giorni il mio papone avrebbe compiuto 70 anni. Un grande traguardo, peccato che sono già 12 anni che non c’è più. Ho cercato di non pensarci e mi sono concentrata sulla ricetta, solo mentre la stavo scrivendo mi sono resa conto quanto la sua passione... Read more »

Questi sono giorni velati un po’ dalla tristezza, nei prossimi giorni il mio papone avrebbe compiuto 70 anni. Un grande traguardo, peccato che sono già 12 anni che non c’è più.

Ho cercato di non pensarci e mi sono concentrata sulla ricetta, solo mentre la stavo scrivendo mi sono resa conto quanto la sua passione per la cucina viva dentro di me e questo bel piatto di pasta lo dedico a lui.

Ingredienti per 2 porzioni abbondanti:

150 gr di treccine Rustichella d’Abruzzo – 60 gr di foglie di basilico – 30 gr di parmigiano – 15 gr di pecorino romano – 50 ml di olio – 20 gr di pinoli – un pizzico di sale

La tradizione vorrebbe che per preparare il classico pesto alla genovese venga utilizzato pestello e mortaio, iniziando da prima a pestare il basilico con il sale e i pinoli e solo alla fine aggiungere l’olio e i formaggi… ma con i tempi che corrono e il fatto che siamo sempre di fretta, si ricorre al frullatore.

Si possono avere buoni risultati anche con il frullatore, basta avere alcune accortezze che dopo vi dirò.

Prima di tutto pulite accuratamente il basilico, per favore non lavatelo, perderebbe tutto il suo sapore; pulite le foglie, una a una con un panno di cotone o un po’ di scottex.

Grattate i formaggi e mettete accanto a voi gli altri ingredienti.

Adesso c’è chi butta tutto nel frullatore e via, il pesto è fatto; invece io vi dico come lo faceva il mio papà, io da anni lo faccio come lui e il risultato è strepitoso.

Gli ingredienti vanno messi nel frullatore a più strati….

Un po’ di basilico, una spolverata di parmigiano, una spolverata di pecorino, qualche pinolo, un granellino di sale, un filo di olio, un po’ di basilico, una spolverata di parmigiano, una spolverata di pecorino, qualche pinolo, un granellino di sale, un filo di olio, un po’ di basilico, una spolverata di parmigiano, una spolverata di pecorino, qualche pinolo, un granellino di sale, un filo di olio e avanti così, fino a quando non sono finiti tutti gli ingredienti. Con accuratezza, come un artista che compone il suo mosaico.

Ora non resta che frullare il tutto, ma non dovete accendere il frullatore e giù a manetta, ma farlo andare a piccoli colpetti e poi fermarvi, in maniera delicata perchè se le lame del frullatore si surriscaldano sciuperanno il vostro pesto.

Altro trucco per avere un buon pesto è assaggiarlo alla fine e regolarlo di sapore, sentire se manca un po’ di sale o un po’ di pinoli… Il pesto è fatto bene quando è un armonia di sapori, non ci deve essere un ingrediente che spicca sugli altri.

Ora che il pesto è pronto non resta che cuocere la pasta, io ho utilizzato delle Treccine Rustichella d’Abruzzo (N.B. Non collaboro con loro e questa non è pubblicità), non conoscevo questa pasta, ne ho sentito parlare nelle community di Google plus, “I migliori blog di cucina” di cui faccio parte e sono rimasta colpita dalla qualità e dai formati interessanti, per di più dalla loro pagina di Facebook hanno invitato i food blogger a proporre ricette che avrebbero pubblicato sulle loro pagine, quindi ho pensato fosse una buona occasione per far crescere un po’ questo blog e in più la pasta è proprio buona.

11 Commenti

  1. ester
    Rispondi

    Devo aggiungere un commento per quanto riguarda i negozi, ce ne sono di più, ma quando ho chiesto per te per farmi dare gli indirizzi ci deve essere stato un fraintendimento e me ne hanno dato uno solo. Mi dispiace davvero,ora che ho l’elenco alla mano, posso davvero fornirti un negozio per ogni zona di Firenze. Oggi pubblichiamo la ricetta sulla pagina, spero ti piaccia la piccola presentazione che ho preparato! a presto ester

  2. Pia - Artemisia
    Rispondi

    Michi, sembrano buonissime, l’aspetto è sempre gradevolissimo. Poi, io che faccio sempre gli spaghetti, questa è un’ottima idea per cambiare pasta. 🙂

    • principessainsonne
      Rispondi

      Grazie Pia. Io di solito uso gli spaghettini ma questo formato si sposa benissimo con il pesto che si insinua in tutte le fessurine. 🙂

  3. gluci77
    Rispondi

    Buonissimo il pesto… e che meraviglioso colore! Un abbraccio a te, oggi un po’ più forte…

    • principessainsonne
      Rispondi

      Luci sei sempre dolcissima.
      Un abbraccio forte forte anche a te e a Frugolino.

    • Principessainsonne
      Rispondi

      Mariangela mi fa molto piacere che ti piaccia questa ricetta. Ho visto il contest sul tuo blog, ho già iniziato a pensarci, questa ricetta sarebbe perfetta, ci avevo pensato anche io ma è già un po’ che è sul blog… Ci vuole una ricetta inedita, vero?
      Un bacio
      Michi

SCRIVI UN COMMENTO