I pasticci della cuoca | Calamarata con fave, pecorino e pancetta - I pasticci della cuoca
instagram Googleplus pinterest rss

Calamarata con fave, pecorino e pancetta

HomePrimiCalamarata con fave, pecorino e pancetta

Categorie: Primi

mega-anelli-con-fave-pecorino-e-pancetta

17 giugno 2012

6

Un altro primo, questa volta fresco, da mangiare con questo bel calduccino che è venuto fuori tutto insieme. Ora dovrò ingegnarmi un pò su piatti che non siano dolci, dato i miei problemi con le intolleranze alimentari. Ingredienti per 2 persone: 130 gr di pasta corta – 180 gr di fave fresche sbucciate – 100... Read more »

Un altro primo, questa volta fresco, da mangiare con questo bel calduccino che è venuto fuori tutto insieme.

Ora dovrò ingegnarmi un pò su piatti che non siano dolci, dato i miei problemi con le intolleranze alimentari.

Ingredienti per 2 persone:

130 gr di pasta corta – 180 gr di fave fresche sbucciate – 100 gr di pancetta affumicata – 120 gr di pecorino fresco – olio – sale

Prima di tutto sbucciate le fave, fino ad averne circa 180 – 200 gr.

Io sono un pò tignosa e le mie le ho anche sbollentate per toglierci la pellicina che le ricopre.

Secondo il mio fruttivendolo è un’operazione inutile, ma secondo me il sapore della fava cambia ed è notevolmente più dolce e saporita.

Questa è l’operazione che vi porterà via più tempo.

E ad un certo punto maledirete il momento che vi è venuto in mente di fare tale operazione, ma non demordete, quando assaggerete la pasta, sarete gratificati di tanta fatica.

Quando avrete finito questa “simpatica” manovra, condite le fave con olio e sale.

Rosolate la pancetta tagliata a cubetti in un padellino antiaderente e appena è pronta, sgocciolatela e mettetela in un piattino.

Tagliate a cubettini il formaggio.

Mettete a cuocere la pasta, io al supermercato ho trovato questi mega anelli dal nome strano “calamarata”, devo dire che conditi così vengono proprio bene, ma potete usare una qualunque pasta corta.

Una volta cotta la pasta, scolatela e datele una rapida passata sotto l’acqua fredda in modo da fermare la cottura.

Conditela con un filo d’olio, la pancetta, le fave e il pecorino.

E’ buona mangiata subito ma ancor più buona io giorno dopo.